La Regina Vittoria e la gravidanza

La regina Vittoria salì al trono nel 1837 e vi rimase fino al 1901: questo è il regno più lungo della storia britannica. Dopo il 1830 il periodo è conosciuto come l'età vittoriana.

Questo è un periodo di progresso tecnologico e in questo periodo ha iniziato a diffondersi un'idea di felicità.



In effetti, molto poco degli abiti della regina Vittoria dei primi dieci anni del suo matrimonio è stato preservato ed è impossibile spiegare perché sia così.

Sebbene incinta per la maggior parte del tempo, diede alla luce i primi sette dei suoi nove figli in quel decennio, fu infatti il suo periodo più ricco nel campo della moda, in quanto non solo indossava abiti attraenti e costosi, ma c'erano molte occasioni felici che avrebbero potuto portare alla conservazione di qualche capo di abbigliamento in più.


Anche se per necessità e consuetudine non poteva partecipare pienamente alla vita quotidiana e all'educazione dei suoi figli, trovava comunque il tempo per visitarli ogni giorno nella nursery reale. Una delle poche reliquie di queste occasioni intime è un piccolo doppio grembiule, con il suo monogramma in filo rosso sotto una corona, che si dice sia stato usato dalla Regina durante tali visite. Il grembiule è costruito come una grande tasca e forse conteneva un asciugamano per proteggere meglio gli abiti della regina.


Sia lei che il principe Alberto tenevano molto ai loro figli e sorvegliavano da vicino la loro educazione. Anche in questo gruppo di reliquie reali si trova una prima vestaglia usata quasi certamente dalla regina Vittoria durante gli anni 1840. Le vestaglie erano comunemente indossate come parte del rituale della vestizione, e probabilmente della svestizione, da una signora della moda. Con l'aiuto della sua cameriera indossava tutta la sua biancheria intima - chemise, calze, corsetto e sottoveste - e sopra la vestaglia.


La gravidanza era ciò che la regina temeva di più dal matrimonio, anche se col tempo si è abituata al processo. Ha avuto gravidanze scomode, dovendo riposarsi sul divano. Quindi la vestaglia sembrerebbe l'ideale per queste occasioni, quando il principe Alberto le leggeva o le cantava. Nel 1858 la regina spiegò le sue pratiche di gravidanza alla figlia maggiore, la principessa reale. Sembra che non frequentasse salotti e levées (dove avrebbe dovuto stare in piedi per lunghi periodi), ma era solita ricevere diplomatici e dignitari, andava a teatro e continuava con i suoi soliti affari. Credeva nel mantenere i suoi soliti standard, e sempre "vestita correttamente la sera", con i capelli appena ritorti "la mattina, e poi vestita adeguatamente nel corso della giornata. Disapprovava l'allacciatura stretta durante la gravidanza: mise da parte i suoi soliti bustini fino alla fine della gravidanza e indossava una serie di bustini più grandi, accuratamente modificati dalla sua cameriera man mano che la pancia cresceva.


12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

La crinolina