La Camiciola

Nel XIX secolo la biancheria intima cominciò ad essere modernizzata, e la sua caratteristica principale, e la più strana ai nostri occhi, fu la sua voluminosità.


Le camicie dell'inizio del diciannovesimo secolo erano enormi. Con scollature esageratamente ampie, catturate da una coulisse, e maniche larghe, spesso anche tirate al gomito.

Frequentemente c'erano pezzi aggiuntivi inseriti nella parte superiore delle maniche, e questi venivano appiattiti da piccole pieghe date loro durante la stiratura. La manica era ancora un pezzo di tessuto diritto con un ampio tassello sotto il braccio per rendere possibile il movimento.

I tipici chemisier di buona qualità della metà del diciannovesimo secolo erano realizzati in lino estremamente fine, quasi di una consistenza simile a un fazzoletto. La cucitura, fatta sempre ovviamente a mano, è meticolosamente fine e impeccabilmente pulita, sia dentro che fuori. Le dimensioni degli indumenti, la quantità di elaborazione nel taglio delle maniche e dei carré e l'ampiezza delle pieghe sottili li rendono notevolmente complessi.

Si dice che una giovane donna abbia passato addirittura un mese a cucire e ricamare un indumento intimo.

Verso il 1860 le camicie iniziarono a diventare più attraenti. Il sangallo veniva usato per bordare il collo e le maniche, che erano più corte. Più tardi nel secolo apparvero i bordi di pizzo e le file di inserti di pizzo. Le maniche a volte erano assenti, i tagli erano rifiniti da una fila di pizzo o sangallo. Le scollature sono diventate meno larghe e il collo più stretto è stato allacciato tramite un bottone su una corta apertura frontale.

A volte gli indumenti diventavano piuttosto corti, al di sopra del ginocchio, ma per molti anni dopo la metà del secolo sono tornati ad essere molto larghi e spesso abbastanza lunghi da raggiungere i polpacci della donna media.

Verso la metà degli anni Settanta la chemise veniva modellata fino alla vita sotto il seno, in modo da renderla meno voluminosa e conformarsi alla linea più piatta della vita e dei fianchi degli abiti esterni.

È un fatto curioso che i vittoriani, che erano famosi per la grezza praticità della biancheria intima prodotta, furono in realtà innovatori nell'introduzione di materiali più fini, di guarnizioni di pizzo e ricami e furono anche i primi a introdurre la seta come materiale intimo.

Entro la fine del secolo la lana non era più indossata per il calore, ma per la moda.

Il disegno dei mutandoni, dagli anni Sessanta dell'Ottocento fino ai primi del Novecento, si compone ancora di due sezioni quasi separate, una per gamba, unite solo appena sotto la vita, dove sono raccolte su una fascia consistente. Sono quindi aperti da sotto la vita fino al bordo della gamba.

A volte i mutandoni sono tagliati interamente a croce, altre volte si aggiungono grandi godet all'apertura sul retro, in modo che i due lati possano sovrapporsi voluminosamente. Questi indumenti di solito si allacciano alla cintura, incrociandosi sul retro, con nastri che girano intorno alla vita per fissarli.

Intorno al 1877 apparve un nuovo indumento intimo, il primo di un'intera serie che avrebbe proliferato da allora al secolo successivo e così facendo trasformerà la biancheria intima e contribuirà a produrne un concetto completamente nuovo.

Questa novità erano le combinazioni. Combinavano chemise e mutandoni in un unico indumento ed erano inizialmente realizzati con gli stessi materiali di lino e cotone, e talvolta anche di flanella.

La loro attrazione era che riducevano la massa della biancheria intima, aiutando la tendenza della moda esterna dei corpetti che seguivano la figura, fino alla parte inferiore dei fianchi, una tendenza che non si vedeva da secoli.

Il principale sviluppo delle combinazioni è avvenuto, tuttavia, molto più tardi e cade principalmente nella prima parte del XX secolo.

Ma durante l'ultimo quarto del diciannovesimo secolo si sono scontrati abbastanza attivamente con la tradizionale chemise e mutandoni per un posto nel guardaroba della biancheria intima.

Il culto della magrezza, che avrebbero aiutato, non mostrava alcun segno di riuscita nel catturare la moda. Il gusto del tempo stabilito nel 1873, dichiarava che un busto ben sviluppato e una figura affusolata in vita era l’ideale, il quale durò per più di trent'anni.


26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti